Rita Pavone svela a Sanremo ho cantato dopo Bugo e Morgan mi veniva da ridere

pavoneRita Pavone al programma “Vieni da Me” da Caterina Balivo rompe il silenzio sul famoso scontro che c’è stato tra Morgan e Bugo, durante l’intervista ha ripercorso le tappe della sua carriera e parlato anche della sua vita privata. La Balivo non si fa sfuggire qualche retroscena sullo show e poi nessuno si sarebbe mai aspettato che un pezzo della musica italiana come Rita Pavone accettasse di entrare in gara, ma nell’artista c’era il desiderio di mettersi in gioco e di divertirsi. «Voglio vedere il futuro. A Sanremo mi sono ritrovata in gara con ragazzi giovanissimi, ho avuto l’opportunità di cantare un pezzo che ritengo favoloso». Il caso ha voluto che l’ultima sera si esibisse proprio dopo Bugo e Morgan: «Se ne sono andati e quando io sono entrata, le prime parole sono state ‘Niente, qui non succede proprio niente…’ Mi veniva da ridere. È stato ridicolo. Morgan che ripeteva “cosa è successo”? Cosa deve succedere? Lo hai fatto arrabbiare e se n’è andato». Dietro le quinte sono stati momenti davvero concitati, ma era chiaro a tutti che i due avessero maturato delle tensioni ha poi parlato del matrimonio con Teddy Reno. I due si sposarono in segreto nel 1968 perché all’epoca fecero scandalo per la differenza d’età e perché lui era già sposato e aveva un figlio. «È stato un matrimonio meraviglioso, per me è stato importantissimo quel matrimonio da credente. Scandalo? Era un momento diverso. Nessuno mi voleva vedere sposata. Abbiamo deciso di sposarci dopo che si era separato. Mio papà ha lottato fino alla fine, si è reso conto che noi avevamo fatto la scelta giusta dopo moltissimi anni». Infine sul periodo che stiamo vivendo: «Ho trascorso la quarantena in Svizzera. Non potevo uscire. Qui non potevano uscire, neanche per fare la spesa, tutti quelli che avevano superato i 65 anni, quindi me compresa».

Rita Pavone svela a Sanremo ho cantato dopo Bugo e Morgan mi veniva da ridereultima modifica: 2020-05-25T16:15:03+02:00da nessi-15
Reposta per primo quest’articolo