Fabrizio Corona compleanno da Vip in compagnia di una biondina

coronaFabrizio Corona ha spento 42 candeline con una festa degna di re, anzi un ex re dei paparazzi. Quasi 300 invitati, quasi tutti noti personaggi del jet set, al blasonato Mo Mo Republic, nel cuore della capitale, cena super luxus con buffet di pesce, musica dal vivo, torta con candeline e champagne sponsorizzati Si Puede (il suo marchio d’abbigliamento, ndr) e una biondina, tale Cristina Mian, che non lo ha mollato un attimo. Arrivato in Maserati bianca, accompagnato dalla sua bionda amica tutta fasciata da un abito rosso in lattice, Fabrizio ha fatto un ingresso trionfale con tanto di red carpet, circondato dai suoi Corona boys e dai tanti ospiti e sostenitori, che non sono voluti mancare al grande evento. Da poco l’ex re dei paparazzi si è fatto un nuovo tatuaggio: “Ho attraversato la tempesta, ho lottato fino all’ultimo. E’ stata dura, ma era necessario. Ora si riparte”, recita la scritta che campeggia sul suo polpaccio. E Corona è ripartito, prima di tutto da se stesso, con allenamenti intensi e un’alimentazione super sana, poi con il business del suo marchio di abbigliamento, su cui sembra stia investendo molte energie. Un uomo nuovo insomma. Che ha accanto sempre donne diverse. L’ultima, dopo la morettina del duo Le Donatella, è questa biondina super sexy, ucraina, 34 anni, e, a quanto pare, moglie di Maurizio Mian, con cui ha fatto una figlia che ha ora 8 anni. Lui, Mian marito sarebbe l’ex azionista de “L’Unità”, ricco, estroso e con una villa a Miami, dove vive. Quali siano i rapporti tra moglie e marito, non si sa, certo è che Fabrizio conosce entrambi, (il marito avrebbe finanziato in tempi non sospetti un progetto di Corona, una sorta di reality a base di s…o), ma al suo compleanno c’era solo Cristina, con cui l’ex fotografo ha passato tutto il weekend pasquale tra Ostia, Anzio e Roma. Stesso albergo e molta complicità.

Fabrizio Corona compleanno da Vip in compagnia di una biondinaultima modifica: 2016-04-02T11:42:55+02:00da nessi-15
Reposta per primo quest’articolo