Al salone auto di Shangai niente modelle conturbanti

modella shangaiAl salone dell’auto 2015 di Shangai quest’ anno si possono guardare solo le auto, le belle modelle sono state fatte fuori   L’annuncio ufficiale non è stato dato ma la società che organizza la “Shanghai Automotive Exhibition” non ha smentito le voci di una decisione di eliminare la presenza delle ragazze – sempre meno vestite – che rappresentavano una delle attrazioni più popolari del salone automobilistico.  L’obiettivo  secondo il pr di una casa automobilistica cinese, è quello di permettere ai visitatori di godersi “un salone tranquillo”, senza distrazioni extra-motoristiche.  Ufficialmente è solo per ragioni di sicurezza, dopo la strage – 36 morti – provocata a Shangai dalla calca durante i festeggiamenti di fine anno. Ma a spingere gli organizzatori alla decisione sembra essere il nuovo puritanismo che pervade la società cinese, almeno nelle intenzioni delle autorità. È di questi giorni la notizia della censura temporanea alla trasmissione di una popolare fiction tv, “L’imperatrice della Cina” per colpa dell’eccessiva scollatura di una delle protagoniste.  Ufficialmente gli organizzatori del Motor Show di Shangai – che aprirà le porte solo il prossimo 22 aprile – lasciano aperta la porta a ripensamenti spigando di avere aperto “una consultazione popolare” sulla questione ma la decisione sarebbe già stata presa. Decisione che non piace ai visitatori degli stand e neppure agli operatori. Come ha spiegato un rappresentante delle case: “E’ una regola non scritta del nostro settore, più le ragazze sono attraenti e maggiore pubblicità si ottiene. Tutti pensano solo a come rendere più sexy le modelle”.  L’agenzia di stampa ufficiale riporta anche i turbamenti di alcuni genitori dinanzi agli show di ragazze sempre meno vestite, ma dà voce anche alle perplessità degli operatori che non vorrebebro ritrovarsi con l’unico motor show “castigato”.

Al salone auto di Shangai niente modelle conturbantiultima modifica: 2015-01-10T16:40:00+01:00da nessi-15
Reposta per primo quest’articolo